Tag cloud
Site map
Register
Login
RICERCA STRUTTURA



Check-in

calendar

Check-out

calendar

MTB tour agonistico /53.0 km 1.360 Hm


Partenza: Ponte Arche - Terme di Comano

Descrizione

L'itinerario che percorre i tre altopiani Banale, Bleggio e Lomaso parte da Ponte Arche - Terme di Comano. Dal centro del paese, prima del ponte sul Duina (torrente che si getta nel fiume Sarca proprio in paese), si svolta sulla provinciale 233 che porta ai paesi di Poia e Godenzo con una salita regolare (pendenza media 5%). Giunti a Godenzo, si gira a destra per la località S. Croce e da qui si prosegue seguendo l'indicazione per Lundo (paesino che sovrasta la piana del Lomaso e che offre un'ampia veduta su l'intera valle). Si affronta la discesa lasciandosi Lundo alle spalle e si raggiunge un primo bivio, dove si gira a sinistra per scendere ancora per un chilometro: qui, prima di un tornante, si può vedere la chiesetta di S. Silvestro (risalente al 1400); prima dell'abitato di Vigo Lomaso si svolta a sinistra per imboccare una strada asfaltata che percorre tutta la piana della Val Lomasone. Giunti alla parte opposta, prima dell'abitato di Dasindo, si prende una stradina in salita (pendenza media del 9%) che porta a Favrio, piccolo abitato ai piedi del Monte Misone.
 
Si attraversa il paese e giunti sulla provinciale 421, che collega la vallata con Riva del garda, si svolta a sinistra, si prosegue per qualche centinaio di metri e poi si prende in direzione della Torbiera di Fiavè. Su una strada sterrata si passano le località Dus, Cornelle e Fusine per giungere a Balbido (paesino del Bleggio Superiore dove sulle facciate delle abitazioni si possono osservare i murales a tema rurale ed agricolo). Si risale su una strada asfaltata fino al Passo Durone, a quota 1000 m s.l.m e una volta raggiunto il passo si svotla a destra su strada sterrata in direzione Monte S. Martino e svoltando poco dopo a destra in direzione Pra Maràn (zona panoramica) attraversando dei prati e successivamente strade sterrate fino a raggiungere Bivedo, da qui, con un tratto sterrato, si attraversano Vergonzo e Cillà e da quest'ultima località si scende lungo un sentiero sterrato nel sottobosco fino all'intersezione con la S.S. 237 (ad alto traffico veicolare).
 
Si attraversa la statale e una volta giunti alla centrale di Ponte Pià si risale per la Val dei Molini, molto impegnativa per la sua ascesa che, attraverso un sentiero a tornanti, porta all'abitato di Stenico (paese ai piedi dell'omonimo castello). Dalla piazza del paese si sale in direzione Seo e, una volta raggiunto, si torna a scendere verso Tavodo e Andogno. Seguendo la provinciale si arriva a Villa Banale dove, alle porte del paese, si gira a sinistra in una strada che inizialmente è sterrata e poi si stringe in un sentiero nel sottobosco con una discesa tecnica. Da qui si entra nel cuore della spettacolare Forra del Limarò. Si risale poi fino ad arrivare alla S.S. 237 che si deve percorrere per alcune centinaia di metri fino a trovare, sul lato opposto, una nuova salita asfaltata che porta a Poia. Da qui si ridiscende per terminare l'itinerario a Ponte Arche - Terme di Comano.